home

dintorni Roma

 

 


SAN VITO ROMANO

 

Il piccolo comune di San Vito Romano ubicato sulle pendici dei Monti Prenestini in provincia di Roma. L'abitato si compone sostanzialmente di due parti: la parte medievale sistemata intorno al castello Theodoli e quella (detta detta "borgo Mario") che ebbe origine nel XVII secolo quando fece alcune sistemazioni il cardinale Mario Theodoli. La parte pi antica del paese sarebbe stata originata, nel IX secolo, dall'esodo di diversi abitanti della pianura costretti dalle incursioni di saraceni. Infatti San Vito Romano in posizione elevata (circa 650 m.). La comunità così costituita, prima di essere affidata ai Colonna e poi ai Theodoli, fu per qualche tempo gestita dai monaci di Subiaco.

A parte i gradevoli connotati del borgo antico, di interesse artistico sarebbero gli affreschi del citato castello (proprietà privata) che furono realizzati dal pittore paesaggista Crescenzio d'Onofri (talora semplicemente Onofri ) pittore del XVII secolo che fu anche allievo di Gaspar Dughet. Onofri, a parte dipinti ora in diversi musei, ha lasciato altri affreschi a Roma, inclusi alcuni nell'appartamento della principessa Isabelle a Palazzo Colonna.

Sono comunque interessanti la chiesa di Santa Maria de Arce e quella dedicata ai SS. Sebastiano e Rocco. A chi ama la natura va invece segnalato il bel castagneto della "Macchiarella". Ultima nota: non è distante il piccolo ma interessante centro di Pisoniano sviluppatosi sui resti di una villa romana. Sia San Vito Romano che Pisoniano fanno parte della IX comunità montana del Lazio.

 


un suggestivo angolo del borgo, foto Luisa C.


 



un affresco murale sulle tradizioni della zona, foto Luisa C.

 


 


castello Theodoli

panorama di San Vito

ambiente naturale

comunità montana Tiburtini/Prenestini

Pisoniano

Onofri alla National Gallery

 

 

home