home

arte nel Lazio

SANTA MARIA DELLA PACE

&

chiostro del Bramante

 

Il complesso- non distante da piazza Navona- è una delle più interessanti concentrazioni di opere della nostra storia dell'arte. E tutto ebbe inizio intorno al 1482 quando ai tempi di papa Sisto IV (forse anche per un voto) fu deciso di costruire una chiesa nel luogo dove prima era ubicata una semplice cappella. Dopo tale edificazione ci furono tuttavia diversi interventi: grandi artisti (incluso Raffaello) furono chiamati a decorare le diverse cappelle, poi il Bramante fu incaricato nei primissimi anni del XVI secolo di realizzare il bel chiostro ed infine - all'epoca di papa Alessandro VII- Pietro da Cortona ebbe l'incarico di restaurare l'edificio e di rifare la facciata.

All'interno la chiesa ha una breve navata con diverse cappelle e l'altare principale è nel contesto di una tribuna dove sono varie opere d'arte. Oltre ai pittori vi lavorarono diversi scultori (Cosimo Fancelli, Simone Mosca, Vincenzo de Rossi ed altri). Alcune realizzazioni furono dell'architetto Antonio da Sangallo il Giovane. Infine nella decorazione della cappella Mignanelli furono riutilizzate antiche decorazioni romane. Nell'insieme il contesto è notevole. Si spera che le foto di seguito (con relative note) possano risultare utili agli interessati. 

 

santa maria della pace, facciata
la bella facciata barocca realizzata da Pietro da Cortona-foto © ap 2012


Cappella Chigi e gli affreschi di Raffaello, foto Peter1936F-wikimedia
Le Sibille furono realizzate da Raffaello nel 1514 per incarico del banchiere senese Agostino Chigi
La realizzazione di questi affreschi fu successiva alla Galatea che l'artista dipinse alla Farnesina per lo
stesso committente. Raffaello all'epoca subiva il fascino del Giudizio Universale di Michelangelo.



 


Raffaello, cartone preparatorio di una sibillla conservato dal
1953 al British Museum di Londra -fonte wiki
Per la realizzazione degli affreschi il Sanzio si avvalse di collaboratori fra i quali Timoteo Titi

 


Baldassarre Peruzzi nella cappella Ponzetti, foto © ap 2012
Il Peruzzi dipinse la Madonna fra le SS.Brigida e Caterina, anche i piccoli affreschi della semicalotta sono suoi

 


Rosso Fiorentino nella parte alta della Cappella Cesi-foto wiki
L'artista fu a Roma per un breve periodo (fino all'epoca del Sacco del 1527)

 


zona dell'altare (ubicato all'interno di un ottagono)
Nella chiesa sono visibili anche dipinti di Orazio Gentileschi, Sermoneta ed altri


dettaglio della Cappella Cesi -foto © alpy; scultura di Vincenzo de' Rossi



chiostro del bramante
chiostro del Bramante, foto © ap 2012; come anche si legge nelle foto il chiostro fu voluto dal cardinale Oliviero Carafa
Nella parte interna sono spesso proposte mostre temporanee fra le pių seguite a Roma. Da uno punto del loggiato superiore
č possibile vedere dall'alto le Sibille della Cappella Chigi




altra prospettiva del chiostro, foto ap 2012
Questo chiostro unitamente al Tempietto di San Pietro in Montorio
fu uno dei primi impegni romani del Bramante

 

 

dettaglio chiostro Bramante
dettaglio del chiostro, foto ap 2012

 

A poca distanza da questi edifici è la bella chiesa di Santa Maria dell'Anima, spesso luogo di ritrovo dei tedeschi a Roma. Vi è sepolto papa Adriano VI.

ricerche in materia di storia dell'arte ed argomenti correlati


 

 

home