home

 

 

 
ALTRE EVIDENZE DI OSTIA ANTICA

 

poco lontano dal Decumano

Opus Sectile di Porta Marina

come accennato nella pagina precedente, oltre al Decumano Massimo ad Ostia antica vi sono numerose vie traverse (esempi: Cardine Massimo, cardo degli Aurighi, via della Foce e cos continuando) dove possono essere ammirati diversi siti pregevoli che in certi casi documentano gli stili e gli usi della vita nell'antichità romana. Le foto e le note che seguono si riferiscono solo ad alcuni di questi luoghi. In un punto, oltre Porta Marina, ci sono anche le evidenze di una Sinagoga. 

In genere Ostia antica suddivisa in 4 c.d.  regioni a loro volta suddivise in numerosi isolati (la prima zona, più centrale rispetto al Foro, ad esempio conta 20 diversi isolati).

Va anche segnalato che, nonostante le molte persone di passaggio, in loco non c'erano molte strutture "alberghiere " (una delle poche è la Caupona del Pavone che in origine era comunque una casa privata). Le foto di seguito illustrano in particolare i luoghi destinati ad alcuni antichi riti ed a filosofie che all'epoca avevano un certo seguito.


l'edificio detto delle " Terme dei Sette Sapienti", foto alpy 2010
probabilmente gli antichi frequentatori di queste terme seguivano delle "massime"
riferibili ad alcune tradizioni filosofiche ecc. di origine greca


 


mosaico delle terme dei sette sapienti, foto  alpy 2010; particolare della sala rotonda
Nei pressi delle citate terme è ubicato anche il Caseggiato degli Aurighi con due affreschi visibili
Poco distante pure la "Schola di Traiano"

 

 


sacello di Attis, foto alpy 2010. Sono attigui a tale sacello del Campus Magnae Matris: il tempio di Bellona e la Schola degli Hastiferi
Il culto per Attis era connesso a quello per Cibele ed era collegato a delle feste primaverili
Nella zona furono trovate varie sculture ora presso il museo locale

 


campo della Magna Mater e base del tempio di Cibele (grande madre della natura) foto alpy 2010
la famosa "pietra nera" (collegata alla divinità, originaria della Frigia) prima di arrivare a Roma transitò nel porto di Ostia

 


riproduzione delle sculture di Cupido & Psyche nel luogo originario, foto  alpy 2010
la domus era probabilmente una delle più eleganti dell'Ostia del tempo (IV secolo circa)


tempio di Ercole, foto alpy 2010. L'originale della statua è nel museo. Probabilmente era frequentato
da marinai e mercanti per gli auspici della navigazione



Mitreo del Felicissimo, mosaici simbolici dei diversi gradi di iniziazione, foto alpy 2010
Ad Ostia ci sono altri mitrei (Mitreo delle Terme di Mitra, Mitreo del Palazzo Imperiale ecc)

Questi ovviamente sono solo alcuni esempi in quanto l'area archeologica di Ostia antica è complessivamente abbastanza estesa



 

L'OPUS SECTILE DI PORTA MARINA

Questa importante decorazione- effettuata all'epoca con l'intarsio di marmi colorati- fu scoperta nel 1959 in una domus nei pressi di Porta Marina e, dato che, nella malta dell'edificio, è stata rinvenuta una moneta dell'imperatore Massimo (383-388) è possibile riferire la sua costruzione a quell'epoca.

D'altra parte questa tecnica, utilizzata a partire dal II secolo, ebbe un notevole sviluppo proprio nel IV secolo.

La decorazione ostiense riguardava un'intera grande aula di 7,45 metri x 6,70 ed fra quelle meglio conservate. Quindi in genere affascina i visitatori che si soffermano negli spazi che ora gli sono stati destinati all'Eur.  A parte i notevoli intarsi delle pareti (geometrie, fiori, leoni ecc. ), molto bello anche il pavimento di circa 32 mq. Pochi pezzi sono invece rimasti del soffitto (crollato all'epoca). Lo stesso era in pasta vitrea e riproduceva tralci di vite, talora con applicazioni in oro. In una delle pareti sono riprodotti anche due personaggi e per uno di questi, essendo forse azzardati riferimenti cristiani,  si pensato invece che possa illustrare il c.d. maestro divinamente ispirato..


dettaglio della pavimentazione, foto amatoriale a.p. 2013

Dopo  lunghi restauri (ultimati nel 1966) e la ricerca di uno spazio adeguato, l'imponente Opus Sectile è stato infine sistemato presso il Museo dell'Alto Medioevo di Roma Eur che comunque ha un collegamento funzionale con l'area archeologica di Ostia Antica. Il museo (ricco anche di altri reperti) è in viale Lincoln 3, a pochissimi passi da piazza Marconi. Ed ovviamente non va tralasciato il museo all'interno della zona archeologica.



 

 

home