home

archeologia nel Lazio

INTORNO AL PERCORSO DELL'APPIA ANTICA

FRA COLLI ALBANI, VELLETRI, POSTA DI MESA E TERRACINA

percorso e luoghi

località attigue

La penetrazione degli antichi romani nel Lazio meridionale fu molto graduale e secondo alcune tradizioni iniziò all'epoca dei re Tarquinii. Sugli eventi e le fasi iniziali di tale processo ci sono per˛ alcuni dubbi. La strategia fu comunque pi¨ precisa quando i romani (intorno al 312 a.C.) decisero di costruire il primo tratto della via Appia che, all'epoca, collegò Roma con Capua.

Questo antico percorso, prima di arrivare a Terracina e quindi sulla costa, interessava diversi centri interni che erano entrati da tempo nell'orbita romana ma ne escludeva diversi altri. La parte iniziale dell'Appia fu costruita utilizzando il precedente tracciato della via Albana.


un tratto romano dell'Appia, cortesia Sweet Rome

Antichi abitati coinvolti dal tracciato dell'Appia: dopo l'antica Bovillae  (ora Frattocchie, nel comune di Marino) ed i Castra Albana, una stazione importante era ad Aricia  (ora Ariccia) ma erano prossimi luoghi come Lanuvium (Lanuvio) e Velitrae (Velletri). Genzano Ŕ di formazione medievale ma in zona vi erano diverse ville romane che erano attigue all'antico tracciato dell'Appia. Il percorso più a sud proseguiva per Tres Tabernae (vicinanze attuale Cisterna), Tripontium, Forum Appii  ubicati nei pressi di Latina.

Poi c'era il luogo che i romani chiamavano "ad medias " ovvero "ad medium " (i viaggiatori vi cambiavano i cavalli) dove in epoca pontificia fu poi costruito il grande casale di "Posta di Mesa" destinato dai papi sia a stazione postale sia a deposito di reperti archeologici. Infine, poco prima di arrivare a Terracina (░), la via Appia era interessata per circa 19 miglia da un canale paludoso (decennovium )  le cui acque sovente coprivano la strada. Su tale situazione c'Ŕ anche una memoria del poeta Orazio ma, a quanto risulta, non manc˛- anche in epoca tarda- qualche intervento per tentare di rendere agevole il percorso. Proprio a Posta di Mesa una lapide ricorda che se ne interess˛- fra il 507 ed il 511- anche Teodorico per il tramite di suoi collaboratori.

Come nel percorso più vicino a Roma, diversi monumenti funebri sono ai fianchi della regina viarum. Ad esempio a Mesa (Pontinia) c'è il Mausoleo di Clesippo proprio accanto al citato caseggiato costruito all'epoca di Pio VI (il link Ŕ relativo ad un acquarello della fine del XVIII di Carlo Labruzzi).

Similmente, anche prima di entrare a Terracina, vi sono diverse evidenze di sepolcri. Qualcuno di questi- nella località ricordata come "i monumenti"- non esiste pi¨ ma all'epoca fu memorizzato dal citato pittore Labruzzi (vedi).  Per approfondimenti rinviamo ai collegamenti segnalati in basso ed anche ai relativi filmati. Segnaliamo comunque che l'ultimo tratto iniziava al termine del decennovium nel luogo dove sorgeva un santuario dedicato a Feronia.

 


la c.d. tomba degli Orazi e Curiazi ad Albano Laziale, era sul percorso dell'Appia Antica (foto alpav 2009)

 


Appia Antica- Velletri, foto Corrado Bisini, Castelli Romani tour

 


Genzano, alcuni resti della villa degli Antonini-foto Massimo Pesci
La villa era ubicata fra il XVIII e XIX miglio dell'Appia antica

 


 Posta di Mesa, foto Nicola Cariello, cortesia Aequa
il luogo corrisponde ad una stazione intermedia dell'antica Appia


sepolcro ad edicola, Appia superiore nei pressi di Terracina
foto archivio del locale archeoclub, cortesia Terracina forum

 


un tratto dell'Appia Traianea, Villa Salvini-Terracina (foto cortesia Terracina forum)
l'Appia Traianea era una variante successiva

░░░


Gli antichi abitati del Lazio meridionale non coinvolti dal tracciato dell'Appia erano diversi. Alcuni non erano comunque distanti e fra questi vanno ricordati: Cora (Cori), Norba, Setia (Sezze), Privernum (Priverno) ed anche luoghi come, ad esempio, Ulubrae nella zona compresa fra Cisterna di Latina e Cori.

 


vestigia romane a Cori, foto Franco L.

 


Norba, foto enricoclimb/flickr , sul luogo vedi  scheda specifica

 


Villa Romana, nei pressi di Sezze, foto cortesia www.setino.it/

 

 

Ulteriori abitati del Lazio meridionale erano invece prossimi al tracciato della via Latina che attraversava la Valle del Sacco, le zone di origine ernica e successivamente anche Aquino e Cassino per poi continuare nel Sannio. Diversamente la via Severiana partiva da Porto (vicino Fiumicino) ed interessava Ostia, Anzio ecc. per poi arrivare anch'essa a Terracina.  

 


 

(░) l'ultimo tratto dell'Appia antica, prima dell'ingresso a Terracina, prevedeva il passaggio su un ponte ancora esistente ed il transito nella localitÓ Feronia. Ai margini di questa strada erano ubicati diversi monumenti funebri che in taluni casi sono stati distrutti (purtroppo anche in tempi recenti) e che in altri casi sono inclusi- in cattivo stato di conservazione- in proprietà private. .

altri collegamenti utili

Via Appia Antica

mosaici Tres Tabernae

parco dell'Appia

area archeologica di Priverno, foto

museo archeologico di Priverno, foto

Museo archeologico Priverno

Sezze,villa romana

Museo di Velletri

 

 

 

home